Tag:Irpinia

Il Mattino: Quando il Fiano è un grande investimento

“(…) Prendiamo per esempio i prodotti di questa piccola azienda familiare a Cesinali. Mai i suoi prodotti tradiscono grazie alla sapiente gestione di Rosanna Petrozziello, supportata dal marito Giancarlo e dal cognato Piersabino Favati che curano ogni aspetto della produzione (…) grazie al rapporto ormai consolidato con Vincenzo Mercurio (…)” (Luciano Pignataro) Per l’articolo completo cliccare sull’immagine sottostante:

Continua a leggere

LaRepubblica: Pietramara 2019 con “I Favati” Fiano da premio

“I Favati sono due in origine, Giancarlo e Piersabino, hanno altri lavori. Impresa edile, agenzia immobiliare (…) Dietro la fortuna de I Favati c’è l’intuito, la passione, la fermezza di una signora del vino. L’azienda porta il nome dei fratelli ma Rosanna Petrozziello, moglie di uno dei due, è dal primo giorno vela e timone. La barca va, da subito. Alla scelta di vita segue quella dell’enologo. È il 2007 qua do Rosanna firma con un versatile winemaker di altra […]

Continua a leggere

Il Mattino – La Pazienza è la grande virtù del Fiano a Lapio: ELLE 2019 FIANO DI AVELLINO DOCG LAURA DE VITO 

“Si lo so, sono all’antica, ma prima di scrivere del vino bisogna conoscere la vigna da cui nasce, la persona che lo produce, i luoghi di cui è figlio. Questo straordinario Fiano è il risultato dell’incontro fra Laura De Vito e Vincenzo Mercurio a Lapio, le vigne di Contrada Saudoni (…) Un progetto serio, che prevede la nascita del Fiano Elle, come Lapio, due anni dopo la vendemmia e dei tre cru di territorio Arianiè, Li Sauroni e Verzare, tutto […]

Continua a leggere

Foodclub.it: I Favati da artisti del Fiano al nuovo progetto del Taurasi da vecchie vigne

“Quando si vuole stappare un Fiano di Avellino autentico e coinvolgente, spesso la scelta cade sulla cantine I Favati. Grazie all’impegno di questa famiglia – della quale è donna immagine e imprenditrice Rosanna Petrozziello – Cesinali è emersa come uno dei migliori territori del Fiano di Avellino. Quando si parla di vino con queste persone, e soprattutto delle loro vigne, gli occhi si accendono di luce ed entusiasmo essendo fortissima la passione che li lega alla propria terra. (…) La prima vendemmia è entrata […]

Continua a leggere

La Repubblica – Il Taurasi “Fren” scopre l’anima di Stefania Barbot

“Il nome è una confessione. È la voglia di raccontare. È il presidente storico di uno stato d’animo. “Fren”, che vuol dire Fren? “Vuol dire anima. Greco antico” (…) “Fren” supera lo scetticismo perché non ha tutto quello che potrebbe avere in negativo. Non è rosso grasso né muscolare, ma agile nel bicchiere, snello, morbido. Tannini mai arroganti. Gusto ampio, fresco e asciutto, mai ridondante, nessuna tendenza al dolce compassato, la trama vibra in eleganza su note di ciliegia, marasca, prugna. […]

Continua a leggere

Corriere del Mezzogiorno – «Vigna Laure» 2019, un Greco di Tufo di pregio

“Come ho ricordato qualche mese fa in questo spazio, i veri Greco di Tufo in grado cioè di reggere il confronto con il conterraneo Fiano di Avellino e con gli altri bianchi italiani da vitigni autoctoni sono davvero pochi. È difficile infatti trovare il perfetto equilibrio tra la componente fruttata e quella minerale.(…) devo per l’ennesima volta riconoscere i meriti di Vincenzo Mercurio che in qualità di consulente tecnico di Di Marzo, ha dato lustro all’antico blasone della storica azienda […]

Continua a leggere

Foodclub.it: Villa Diamante e i suoi fantastici Fiano In tre ettari di vigna si è fatta la rivoluzione

“Molti pensano che per cambiare le cose, per ottenere che queste vadano come desideriamo, ci vogliano grandi mezzi e interi partiti di persone. Più episodi ci hanno dimostrato che non è così (…) Era esattamente l’idea di Antoine Gaita che, puntando sulla forza del proprio pensiero libero, è riuscito ad attirare l’attenzione del mondo enoico sui suoi tre ettari di Vigna della Congregazione, in via Toppole a Montefredane (…) Era il 1996 quando ha iniziato e il suo Fiano Vigna della Congregazione veniva bocciato […]

Continua a leggere

Corriere del Mezzogiorno: Da I Favati il Rose Season, autentico rosato di Irpinia

“Senza mai ricorrere a scorciatoie, l’azienda I Favati di Cesinali, anno dopo anno, vendemmia dopo vendemmia, vino dopo vino ha conquistato una solida reputazione (…) Un premio per il lavoro ventennale di Rosanna Petrozziello, che porta avanti l’azienda con i diversi apporti del marito Giancarlo Favati, del cognato Sabino e delle figlie Carla e Brigida: un sodalizio familiare vincente. Ma non si può dimenticare il contributo determinante del brillante winemaker Vincenzo Mercurio (…) mancava un rosato. Ed ecco il Rose […]

Continua a leggere

Il Mattino: Vigna Ortale 2019 Cantine Di Marzo, il cru di Greco che affascina il palato nobile

“Serve sempre tanto coraggio a produrre un cru perché si scommetta sulla vocazione di un pezzo di terra, a produrre vino di qualità ogni anno senza ricorrere a compensazioni di uve da altre zone. Una scommessa temeraria che Ferrante di Somma ha portato avanti con la determinazione di ben tre cru di Greco di Tufo: Vigna Ortale, Vigna Laure e Vigna Serrone. Delle tre la più selvaggia da domare è proprio Vigna Ortale (…) Si tratta di una Riserva ai […]

Continua a leggere
error: Contenuti protetti
0